Contact

Benvenuti!

Questa è la versione in corso di elaborazione di Artefacts©, Enciclopedia online dei piccoli oggetti archeologici.

La database liberamente accessibile su Internet rispecchia parte di una base di lavoro arricchita in modo permanente da una rete di ricercatori. Consente di avviare ricerche semplici o più complesse

Ricerca semplice : digitare una o più parole separate da spazi.




Per una ricerca più complessa, adoperare la Ricerca avanzata

Artefacts compte à ce jour 20 782 fiches pour 178 788 objets inventoriés (accessibles aux auteurs).

Siete il visitatore n. di Artefacts

Contact

 

Piccoli oggetti : definizione

E cosa un "piccolo oggetto" ? Gli specialisti ne discutono ancora… Dopo la numismatica, il cui campo di applicazione (la moneta) è ben definito, lo studio della ceramica è stato il primo settore ad affermarsi come specializzazione archeologica. Ma questa si interessa del materiale (la terracotta) o di quello che con essa viene prodotto? In effetti, molti oggetti sono prodotti in argilla, e il riferimento al materiale non è probabilmente il miglior modo per classificare ciò che ciò che riguarda la “ceramologia” o una nuova disciplina, quella relativa agli oggetti. Durante gli ultimi anni si è affermato il criterio funzionale, che permette di conferire a chi studia la ceramica tutto quello che riguarda il vasellame, sia da cucina (per la preparazione, da mensa) o da stoccaggio (anfore…). Gli “oggetti”, che non sempre sono piccoli, riguardano tutto il resto.

Categoria vasta, quindi, e differenziata, poiché comprende tutti gli ambiti dell’attività umana. Per fare un po’ di ordine in questo vasto insieme, Artefacts utilizza un sistema gerarchico a tre livelli, al quale è collegata la cronologia. A ciascun oggetto è attribuita una funzione, e ciascuna funzione rientra in un ambito. Così un “dado da gioco” (codice DEJ) appartiene alla funzione “gioco di calcolo” che è a sua volta inserita nell’ambito socio-culturale. È necessario identificare la funzione principale dell’oggetto, quella per cui sono concepiti, e non il loro eventuale riutilizzo in un contesto secondario (ad esempio religioso o funerario).

L’ottica principale di Artefacts è di ordine tipologico, ma alcuni tipi esistono (all’circa) con la stessa forma in epoche differenti. Un dado cubico in osso, ad esempio, potrà trovarsi in DEJ-3, DEJ-4 o DEJ-9 a seconda che sia etrusco, romano o medievale. Sarà quindi interessante, una volta trovato il codice dell’oggetto cercato, (DEJ-, nell’esempio sopra), andare a vedere le attestazioni degli altri periodi, per valutare l’evoluzione di questa forma attraverso il tempo.
    


Natura e Obbiettivi di Artefacts

Artefacts non è un prodotto concluso, ma un programma evolutivo dovuto al lavoro di un gruppo di ricercatori. Il database è dunque perfettibile, e un lettore attento potrà trovarci anche errori che verranno corretti subito dopo segnalazione . Lo scopo del progetto è di offrire un panorama quanto possibile completo delle forme dei piccoli reperti archeologici presentati secondo grandi periodi cronologici. Non si tratta dunque di riunire un corpus di oggetti, ma solo di fornire un elenco di forme ("tipi") per le quali vengono associate, quanto possibile, una definizione adatta, una bibliografia scelta ed una cronologia. Gli oggetti e le illustrazioni presentati lo sono quanto esempio.

NB : Tutta la documentazione di Artefacts nasce da ricerche archeologiche legali e dalla bibliografia scientifica.



Situazione delle carte per ciascun periodo

Le carte qui accanto mostrano lo stato degli inventari per ciascun periodo.

Naturalmente, la proporzione degli oggetti inventariati dipende dall’impegno dei ricercatori e delle squadre che lavorano su di un determinato periodo. Si nota che l’apporto è più avanzato per la seconda Età del Ferro e per l’epoca romana rispetto agli altri periodi.

Per diventare autore di Artefacts inviate il vostro progetto scientifico a: artefacts[at]mom.fr
Sfondo della carta H. Bohbot
    


Pubblicazioni su Artefacts

Feugère, Gilles, Vigier in corso di pubblicazione : M. Feugère, A. Gilles, E. Vigier, L’archéologie face aux objets (à paraître, Archéologies, Revue électronique en ligne ArAr).

Feugère et al. 2018 : M. Feugère, A.A. Berthon, H. Bohbot, A. Bonnefoy, Y. Bourrieau, M. Callewaert, A. Carbone, L. Catté, P. Defaix, L. Eyango, A. Gilles, A. Giraudo, C. Landrieux, P. Mosca, M.-P. Pringalle, J. Soulat, Cl. Tournier, E. Vigier, B. Viroulet, Artefacts : nature, structure et usages. Archéologies Numériques n°18 (1), 2018, 11 p. Collegamento

Feugère 2015 : M. Feugère, Bases de données en archéologie : de la révolution informatique au changement de paradigme. Cahiers Philosophiques n°141, 2015, 139-147. Lien

Feugère, Bultinck 2015 : M. Feugère, P. Bultinck, Artefacts, dé bron voor alles wat u wou weten over kleine archeologische objecten, wil Vlaanderen op de kaart zetten. www.Archeonet.be, 30 mar 2015. Lien Collegamento

Feugère 2011 : M. Feugère, Artefacts : encyclopédie en projet, outil d'aujourd'hui. Instrumentum n°33, juin 2011, 24-27. Collegamento

Feugère 2010 : M. Feugère, The Artefacts Project : An Encyclopaedia of Archaeological Small Finds. Lucerna (The Roman Finds Group Newletter) n°39, Sept. 2010, 4-6. Collegamento



... e nello specifico sulla versione 2, in corso di elaborazione:

Feugère et al. 2017 : M. Feugère, E. Vigier, L. Eyango, A. Giraudo, Artefacts v2 : les enjeux d'une migration. HAL-SHS, 18/06/2017. Collegamento




Diventare autore in Artefacts?

Vi occupate di materiale archeologico? Disponete di una serie di dati propri (collezioni di Musei, scavi archeologici…) e avete nozioni sul trattamento delle immagini piuttosto che di elementi burocratici? La tipologia vi appassiona…? Avete tutte le qualità richieste per diventare autori di Artefacts.

Lo status di autore vi permetterà di intervenire su tutte le pagine del sito, diversamente come semplice membro iscritto potrete, per il momento, aggiungere dei titoli alla lista bibliografica generale. Malgrado sia limitata, questa funzione vi permette comunque di scoprire il funzionamento del sito e delle sue interfacce.

Per chiedere lo status di autore, scriveteci (artefacts@mom.fr) na richiesta motivata: l’ambito che vi interessa e le categorie sulle quali proponete di intervenire. Sarete contattati e vi illustreremo tutte le tappe che vi permetteranno di acquisire la vostra autonomia sul sito.

Unisciti ora ai circa 250 autori che stanno già lavorando sul database!